Semafori in centro e in collina, un risparmio di 16 mila kw annui grazie alle nuove lampade a led

Abbattuti i costi di gestione degli impianti.

Giovedì, 02 Dicembre 2021 12:45

Il Comune di Levanto ha attuato un progetto di efficientamento energetico sui semafori del lungomare e delle frazioni di Lizza, Lerici e Vignana che consente di risparmiare oltre 16 mila Kw l’anno e di abbattere i costi di gestione degli impianti.

“L’intervento, del costo di circa 17 mila euro - spiega Paolo Lizza, assessore all’Ambiente - è il completamento di un percorso iniziato nel 2013 a seguito della normativa europea che prevedeva da quell’anno la graduale eliminazione delle lampade ad incandescenza con potenza superiore a 7 watt, che da allora non vengono più prodotte all’interno dell’Ue. Dopo alcuni anni di manutenzioni degli impianti con la sostituzione delle lampade danneggiate o guaste con quelle ancora disponibili nei magazzini delle ditte specializzate, la scarsissima reperibilità delle normali lampade ad incandescenza (tra l’altro di tipo speciale come quello semaforico, di durata minima tra le 8 mila e le 10 mila ore) ci ha convinto a realizzare questo progetto di sostituzione completa delle lanterne ad incandescenza con quelle a led. Un intervento che, oltre a migliorare la qualità della visibilità dei semafori attraverso l’eliminazione dei riflessi dei raggi solari, consente di ridurre le emissioni e contenere notevolmente i consumi di energia elettrica: elementi che, peraltro, sono anche obiettivi che persegue il programma ambientale del Comune e che ci consentono di mantenere la certificazione ambientale Iso 14001 e la registrazione Emas”.

Consentendo il traffico a senso unico alternato, gli impianti semaforici levantesi sono stati installati sia per disciplinare la viabilità su un tratto di strada stretto ed obbligato per raggiungere parte del centro storico come quello sul viadotto dell’ex ferrovia, sul lungomare, sia per ricavare posti auto sul lato a monte delle strade collinari comunali che attraversano gli abitati di Lizza, Lerici e Vignana.

L’intervento di efficientamento ha riguardato l’intera dotazione, che ora è composta da cinquanta lanterne tutte a led, che consentono di ridurre i costi di gestione grazie ad un minore assorbimento di corrente (la potenza installata è ridotta del 90%), l’allungamento a dieci anni della vita media di ogni lampada, l’assenza di manutenzione nel corso di questo periodo.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Cantieri aperti nei prossimi giorni lungo la SP 31, la SP 26, la SP 566dir e la SP 566 per nuove asfaltature Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
 Al via un servizio soprattutto di carattere preventivo in tutta l’area del Sant’Andrea. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa